CHE COS'È IL CONTO TERMICO?

Il Conto termico 2.0 (DM 16 Febbraio 2016 – in vigore dal 31 Maggio 2016)* è un incentivo erogato dal GSE (Gestore Servizi Energetici, ente controllato interamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze) che prevede un contributo in denaro per la nuova installazione di stufe, termocamini e caldaie a biomassa che rispondano a particolari requisiti e che siano installate in sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti oppure anche in caso di non sostituzione per le Aziende agricole.
Gli incentivi sono regolati da contratti di diritto privato tra il GSE e il Soggetto Responsabile.

  • il soggetto responsabile deve presentare la richiesta al GSE, compilando la scheda-domanda entro 60 giorni dalla fine dei lavori specificando il tipo di intervento effettuato e allegando la documentazione attestante le dichiarazioni rilasciate.
  • Qualora non superi l'importo di 5.000€, l'incentivo viene erogato in un'unica soluzione, entro 90 gg dall’attivazione del contratto.
  • Nel caso di un importo superiore alla cifra di 5.000€, l'incentivo viene erogato in due soluzioni. La prima soluzione entro i 90 giorni, la seconda l'anno successivo alla data di attivazione del contratto.


BENEFICIARI (Soggetti Responsabili)

I beneficiari che potranno accedere a fondi stanziati annualmente per il Conto Termico 2.0 sono:

  • Privati (imprese, persone fisiche, condomini) o Amministrazioni Pubbliche, che sostituiscono un vecchio apparecchio a gasolio, olio combustibile, carbone o biomassa con un nuovo apparecchio a biomassa (legna o pellet);
  • Aziende agricole o imprese operanti nel settore forestale che installano un apparecchio a biomassa nuovo (anche non in sostituzione) o sostituiscono un apparecchio a GPL con uno a biomassa ad alta efficienza, in zona non metanizzata.

L’accesso ai meccanismi di incentivazione può essere richiesto direttamente dai soggetti ammessi o per il tramite di una ESCO (società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l'efficienza energetica, assumendo su di sé il rischio dell'iniziativa e liberando il cliente finale da ogni onere organizzativo e di investimento). Dal 19 luglio 2016 potranno presentare richiesta di incentivazione al GSE solamente le ESCO in possesso della certificazione, in corso di validità, secondo la norma UNI CEI 11352.


CALCOLO DEL CONTRIBUTO

Il contributo erogato viene calcolato in base ad un logaritmo matematico che tiene conto di alcuni fattori determinanti del prodotto a biomassa installato, rispondendo a standard qualitativi sia in termini di rendimento che in termini di emissioni delle polveri in atmosfera.
In sintesi il logaritmo di calcolo tiene conto dei seguenti fattori:

  • La potenza nominale dell'impianto, ovvero la somma delle potenze nominali, come dichiarate dal costruttore, degli impianti oggetto dell’intervento
  • Le emissioni di polveri in atmosfera rilasciate dall'impianto
  • La zona climatica in cui sarà installato il prodotto, in relazione delle ore medie di funzionamento di ciascun comune e provincia


DETRAZIONI FISCALI

In alternativa al Conto Termico 2.0, ma non cumulabile, il cliente che acquista un prodotto a biomassa può usufruire delle DETRAZIONI FISCALI su ristrutturazione edilizia e  su riqualificazione energetica. Fino al 2017 le detrazioni IRPEF ripartibili in 10 anni erano rispettivamente del 50% su ristrutturazioni edilizia e del 65% su interventi di riqualificazione energetica. Per avere maggiori dettagli ed aggiornamenti si prega di fare riferimento alla legge vigente.

Si suggerisce di verificare la normativa nel portale dell’E.N.E.A. (Agenzia Nazionale Efficienza Energetica) appartenente al Ministero dello Sviluppo Economico, al seguente indirizzo web: http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/

PRODOTTI GREEN PUROS CHE RIENTRANO NEL CONTO TERMICO

Qui di seguito l'elenco dei prodotti GREEN PUROS che soddisfano i requisiti del Conto Termico.